10 dicembre 2010

Valencia


Da quando vivo a Milano, il ponte dell'Immacolata+Sant'Ambrogio è il mio preferito.
Quest'anno siamo andati a Valencia, Spagna. Da quando c'è Emma non mi fanno più paura tante cose, dopo il nostro viaggio transoceanico dell'estate scorsa, questo volo di un'ora e mezza circa non mi preoccupava affatto. Poi, lei è straordinaria, credo che anche a lei Valencia sia piaciuta tanto, peccato che magari non ricorderà come ha vissuto questo viaggio (o sì?).

Valencia è una città molto bella, c'è di tutto per tutti, credo che tutte le tipologie di viaggiatori si possono sentire soddisfati dopo esserci stati in questa città. Per le persone che viaggiamo con bebè o bambini piccoli è una destinazione ottima: il trasporto pubblico è eccezionale, con tutte le facilità per chi non cammina; si trova facilmente una varietà molto ampia di scelte per l'alloggio, gli orari sono anche molto flessibili e i punti d'interesse della città accontentano anche ai neonati più esigenti. Credo che la parte migliore sia l'atmosfera della città, i valencianos sono gente molto rilassata, ci sono tanti tanti tanti ma taaaaaaanti bambini in giro!. Nessuno ha paura di portarli fuori se piove, se fa vento, di tapas, a fare shopping, a giocare, a fare colazione con tanto di passeggino ingombrante in giro, ecc. È bellissimo. Nessuno si sorprende,  nessuno ti guarda e, sopratutto, nessuno ha consigli da dare se i bambini urlano, piangono, ridono, toccano, cagano.
Purtroppo, a Milano la mia esperienza è diversa, tema di un'altro post. I milanesi amano i bambolotti, non i bambini veri... in alcuni luoghi a Milano mi sembra che siano più benvenuti i cani che i bambini. Amo e mi piacciono i cani, per carità.
L'atteggiamento dei valencianos verso i bambini non dovrebbe sorprendere nessuno, infatti. È molto naturale.

Abbiamo scoperto che la paella valenciana non è quella che abbiamo sempre mangiato, è diversa!, e ancora più buona di come la immaginavamo. Siamo tornati pieni fino alle orecchie di paella, fideuá, coca de mazapán, turrón de Alicante e i 24 gradi che ci accompagnavano sempre ci riscaldano ancora.

Alcuni posti che abbiamo visitato:

La Plaza Redonda, la Catedral y la Plaza de la Virgen. Si trovano tutte nella stessa zona, la Plaza Redonda non me l'aspettavo e mi è piaciuta molto.

I Giardini del Turia (Jardines del Turia). Bellissimi e senza fine. Eravamo un po' scioccati quando abbiamo saputo che si tratta del letto di un fiume, il fiume è stato deviato dopo un'esondazione e hanno fatto questi meravigliosi giardini lunghi quasi 9 chilometri. Visitare i giardini con i bimbi è bellissimo, ci sarebbe piaciuto molto andare anche il Jardín de Gulliver, ma non siamo riusciti.

La Ciudad de las Ciencias y de las Artes. Per i piccolini, enfasi nell'Oceanogràfic. Emma, con i suoi 10 mesi e qualche settimana, l'ha goduto alla grande. Non pensavo, visto la sua età. Un'amica mi aveva fatto la raccomandazione dicendo che gli sarebbe piaciuto molto. Non l'avevo mai vista facendo applausi e ciao ai pesci!. È crollata di sonno dopo aver visto i trichecchi. Per i bimbi più grandi, anche il Museo de las Ciencias Príncipe Felipe e le mostre che ci sono dall'Umbracle sono molto raccomandabili. Per i grandi e amanti dell'architettura, sicuramente è un posto da non perdere. In tutta la struttura ci sono tutte le facilità per girare con bebè e bambini piccoli. Dal cambio pannolino alla merenda, sonnellino e anche ci sono spazi per fare i primi passi o stiracchiarsi gattonando.
Anche questo è uno spazio ottimo per i fotografi. È un posto talmente fotogenico che non c'è foto che riesca male.


Mercado Central. Il palazzo molto bello. Il mercato di alimentari al coperto più grande di Europa. La zona del pesce è fantastica.


Mercado Colón. Ristrutturato di recente, più per l'aperitivo o colazione di mezzo giorno che per famiglie. Carino lo stesso, i lavori di restauro e recupero sono interessanti.


Negozi. Ci sono migliaia!!. Io amo molto i vestiti spagnoli per i bimbi piccoli, non c'è tanto questa tendenza di vestire i piccolini come adulti grandi. Mi piacciono molto gli abitini ricamati con le maniche a palloncino, gli ho usati pure io, pensavo che non gli facessero più, invece sì!. Abbiamo trovato anche un paio di negozi di giocatoli molto interessanti. Uno si trova nella Galleria Austria sulla via Juan de Austria e l'altro dentro la Galería Jorge Juan (dove trovate anche Habitat).


Le spiagge e quello che è rimasto dell'American Cup. Quest'ultimo, personalmente, non mi è piaciuto molto anche se nella zona ci sono degli ottimi spazi gioco per i bambini. 

Nessun commento:

Posta un commento

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...